liquirizia

Covid-19 e liquirizia

Nella giornata di ieri (27-12-2020) è uscita sui giornali una notizia assai bizzarra: il presidente del Turkmenistan propone la liquirizia come cura per il Covid (Ansa).
La notizia viene riportata con una non troppo velata accusa di complottismo, negazionismo o che dir si voglia contro il politico turkmeno, sostenendo che non ci sia alcuna prova.
Siamo sicuri che davvero non ci siano prove scientifiche che avvalorino la tesi del presidente Berdymoukhamedov?

In realtà è vero il contrario: ci sono già numerosissime ricerche scientifiche, pubblicate su note riviste, che parlano della glicirizzina come una sostanza la cui attività antivirale contro il virus SARS‐CoV è stata già confermata [1]. Vediamo un po’ più in dettaglio.

La glicirrizina è un glicoside saponinico tri-terpenoide che rappresenta il principio attivo dell’estratto di liquirizia. In ambito fitoterapico e farmacologico questa sostanza viene utilizzata come espettorante e come gastroprotettore nell’ulcera peptica. Dalla liquirizia si estrae inoltre l’acido glicirrizico, dalla cui idrolisi si ottiene l’enoxolone (acido glicirretinico). Questa sostanza ha note proprietà farmacologiche: antivirale, antifungina, antiprotozoica, antibatterica, eupeptica, emolliente, antiflogistica e citoprotettiva. Inoltre, l’acido glicirretinico, assieme all’acido glicirrizico, ha azione epatoprotettiva, ha effetti positivi sui danni cerebrali dovuti a ischemia e risulta addirittura avere un effetto sinergico con i farmaci antitumorali[2].

Questa incredibile sostanza naturale è oggetto di studi scientifici da anni e le ricerche hanno evidenziato importantissime attività antivirali (Tabella 1) contro il coronavirus della SARS (SARS-CoV). E’ qui opportuno sottolineare come SARS-CoV e SARS-CoV-2 siano relativamente simili ed appartengano alla stessa famiglia, sebbene il secondo sia più contagioso. Quanto sappiamo oggi su Covid-19 deriva in gran parte dagli studi effettuati sul SARS-CoV.

Tabella 1. Studi preclinici e clinici sull’attività della glicirrizina contro la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus (SARS – CoV)

Un importantissimo studio italiano, condotto dall’Università Federico II di Napoli, ha evidenziato che la glicirizzina ha la capacità di ostacolare l’ingresso del virus Sars-Cov-2 all’interno delle cellule umane, ed è in grado, in vitro, di legarsi al recettore Ace delle cellule umane e alla proteina Spike del virus, rispettivamente la serratura e la chiave di accesso del virus all’interno delle cellule dell’organismo umano. La glicirrizina pertanto sarebbe in grado di ostacolare l’interazione di queste due componenti tra loro, e come risultato provocherebbe l’oggettiva difficoltà da parte del virus di entrare nella cellula umana e di replicarsi[3].
Alla luce di queste scoperte viene da chiedersi se sia stato davvero opportuno un atteggiamento di sfida e di scherno in risposta alle dichiarazioni del presidente turkmeno, da parte di diversi importanti quotidiani.

[1]Chrzanowski, J, Chrzanowska, A, Graboń, W. Glycyrrhizin: An old weapon against a novel coronavirus. Phytotherapy Research. 2020; 1– 8. https://doi.org/10.1002/ptr.6852

[2] “Acido glicirretico” Wikipedia, Wikimedia Foundation, ultima revisione 27 giugno 2019, https://it.wikipedia.org/wiki/Acido_glicirretico

[3] Hijacking SARS-Cov-2/ACE2 receptor interaction by natural and semi-synthetic steroidal agents acting on functional pockets on receptor binding region Adriana Carino, Federica Moraca, Bianca Fiorillo, Silvia Marchianò, Valentina Sepe, Michele Biagioli, Claudia Finamore, Silvia Bozza, Daniela Francisci, Eleonora Distrutti, Bruno Catalanotti, Angela Zampella, Stefano Fiorucci bioRxiv 2020.06.10.144964; doi: https://doi.org/10.1101/2020.06.10.144964